Nirmala Yoga Ostia

Ass. Cult. Natura Armonia e Benessere di Ostia Lido – Roma

Kundalini

La Kundalini è il potere del puro desiderio dentro di noi, un’energia spirituale materna e confortante che giace allo stato dormiente alla base della spina dorsale, nell’osso sacro ( le antiche civiltà, fra cui quella dei Greci, sapevano che in questo osso risiede un’energia “sacra”).
La “Realizzazione del Sè” è il risveglio della Kundalini attraverso il canale centrale, (che trova corrispondenza nel nostro sistema nervoso autonomo), attraversando i sei chakra al di sopra dell’osso sacro e fuoriuscendo dalla sommità della testa (in corrispondenza dell’osso della fontanella) come una piacevole “fontana” di brezza fresca.
La Realizzazione del Sè è sempre stata l’ultimo traguardo di tutte le religioni e tradizioni spirituali del mondo, ma era estremamente difficile ottenerla in passato. Adesso è diventato un fenomeno di massa ottenuto senza sforzo attraverso il dono inestimabile che Shri Mataji ha lasciato all’umanità.
Con le parole di Shri Mataji “La realizzazione del Sé è il primo incontro con la Realtà”. “Dentro di noi risiede la Madre, e se risvegliata sarà Lei a prendersi cura di noi. Sarà Lei a donarci tutta la protezione necessaria. E non c’è alcun motivo di avere paura per qualcosa.”
“La Kundalini vi cura, vi migliora, riversa su di voi ogni benedizione. Vi allontana da ogni preoccupazione di basso livello”, dice Shri Mataji.
La manifestazione dell’energia Kundalini viene chiamata “vibrazioni”, che è una traduzione approssimata del termine sanscrito Chaitanya. Chaitanya (vibrazioni) è la forza integrata del nostro Sè psicologico, mentale ed emozionale. L’energia residua, conosciuta come Kundalini, si deposita in tre spire e mezzo nell’osso triangolare disposto all’estremità del midollo spinale (osso sacro). Il nome sacrum indica chiaramente che le civiltà antiche sapevano che in quest’osso risiede un’energia sacra.  Dopo la nascita, la Kundalini rimane nell’osso sacro, in stato dormiente. Solo con la Realizzazione del Sé, l’energia sottile Kundalini passa attraverso i sei centri denominati chakra disposti lungo il canale centrale e sgorga dalla sommità della testa, nella zona denominata fontanella (probabilmente in attinenza con la fuoriuscita della Kundalini), che è particolarmente molle nei neonati.

LA  KUNDALINI  TRA  LEGGENDA  E  REALTA’

 In antichità Mercurio era il mago e il dio guaritore, riconoscibile dal caduceo che diventò poi il simbolo dei medici. Una delle interpretazioni del bastone o Caduceo di Mercurio è quella della Pace Personificata, rappresentata alla sommità del Caduceo da un paio d’ali che si ergono al di sopra dei due serpenti.

La Kundalini, quando è desta, è un’energia divina estremamente mobile e, dall’osso sacro, ascende lungo il canale centrale (Sushumna Nadi), all’interno della colonna vertebrale. Giunge alla sommità del capo, nel Sahasrara, ove si connette con il Tutto, con l’Energia Divina Onnipervadente, con l’Assoluto. Sulla mano, la Kundalini trova la sua corrispondenza in un punto preciso alla base del palmo, poco sopra la localizzazione del Mooladhara chakra.

La Kundalini, poco conosciuta nella tradizione occidentale, era venerata dagli gnostici e dai templari come Acqua Viva.

È scritto nel Nuovo Testamento (Giovanni 4, 14), Gesù disse alla Samaritana: “… chi beve dell’acqua che Io gli darò, non avrà mai più sete; anzi l’acqua che Io gli darò, diventerà in lui una fonte d’acqua che scaturisce in vita eterna”.

È specialmente in Oriente, senza alcun dubbio, che la conoscenza della Kundalini ebbe il suo massimo sviluppo (in Cina, è il drago che unisce la terra al cielo). Gyaneshwara un grande Santo indiano la descriveva così:

Molto piccola e arrotolata su se stessa in tre spire e mezzo, Ella assomiglia ad un Serpente femmina la cui testa è rivolta verso il basso…Ella è un anello lampeggiante, un bouquet di fiamme, una colonna d’oro fino”.

Kundal, in sanscrito, significa “avvolta su Se Stessa”, e la Kundalini si presenta appunto come un serpente avvolto su se stesso in tre spire e mezzo. Essa risiede allo stato latente, nell’osso sacro di ogni essere umano, in attesa di venire risvegliata, consentendo così all’uomo di ottenere la Realizzazione del Sé, l’unione (Yoga) con il Tutto.

La Kundalini, secondo la tradizione indiana, è il riflesso in noi della Madre Divina, dell’Energia Primordiale (Adi Shakti) e nella nostra tradizione, corrisponde allo Spirito Santo.

Ma cosa è la Kundalini esattamente?

Altro ancora a questo link: 

http://sahajayogaostia.wordpress.com/la-kundalini/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...